Giulio Serra condannato dalla Corte dei conti. Ahinoi, l’avevamo previsto!

Sono passati appena tre anni da quando, in giorni caldi come questi, il gruppo Progetto Comune durante un’accesa campagna elettorale dai palchi dei comizi rammentava agli elettori che tra i candidati della lista opposta ve n’era uno che per ragioni di opportunità politica avrebbe fatto meglio a non ri-candidarsi per l’ennesima volta. Oltre alle notevoli responsabilità che il consigliere Giulio Serra ha sulle decadenti attuali sorti del nostro comune, v’era e v’è tutt’oggi – ancor più di ieri – una ragione di natura più personale che avrebbe dovuto suggerirgli di stare fermo un giro: un’imputazione per peculato e distrazione personale di fondi pubblici regionali che pendeva sul suo capo come un macigno! Continua a leggere

Piano triennale delle opere pubbliche illegittimo!

Nella seduta consiliare del 27 marzo 2017 si è verificato un fatto di una gravità inaudita. La maggioranza ha insistito per l’approvazione di un piano triennale delle opere pubbliche illegittimo, con pieno dolo del sindaco e dell’amministrazione comunale! Al rilievo dei consiglieri del gruppo Progetto Comune sulla irregolarità della procedura, poiché mancava l’elemento necessario previsto dalla legge della pubblicazione per 60 giorni del Piano triennale della opere pubbliche (al fine di darne conoscenza ai cittadini ed eventualmente recepire loro istanze), il sindaco Virginia Mariotti ha dato ragione alla minoranza ma incredibilmente ha insistito, seguita dalla sua maggioranza, nell’approvare ugualmente il piano triennale e a seguire il bilancio preventivo e i punti collegati. Continua a leggere

Senz’acqua in alcune frazioni, gestione equa per tutti? E i controlli degli abusivi?

Molti cittadini ci hanno segnalato notevolissimi disagi a causa della mancata erogazione idrica in alcune zone del territorio comunale di San Marco Argentano. Comprendiamo bene che la causa principale è da individuarsi nei problemi all’acquedotto dell’Abatemarco, tuttavia riteniamo di dovere richiedere all’amministrazione comunale un impegno più preciso e deciso nel rendere meno forti i disagi per la popolazione. Ci risulta, infatti, che particolarmente in alcune zone non vi sia stata erogazione di acqua fino a quattro giorni, rendendo la situazione insostenibile per la gestione dell’igiene quotidiana della persona e degli spazi. Chiediamo formalmente al sindaco Virginia Mariotti se sia stato posto in essere un equo programma di erogazione, per qualche ora al giorno, al fine di consentire a tutti i cittadini (e non solo a quelli di alcune frazioni) di potere almeno riempire le cisterne private e alleviare in tal modo i disagi. Continua a leggere